mercoledì 15 giugno 2016

CORPO AMATO



pelle d'oasi
eri, e
rifugio dal nulla
fuori e dentro

corpo amato

non eri il dove
nè il quando
né il come

bastava 
sfamare
il desiderio che ti percorreva
elettrico
famelico
autentico



corpo amato

ora disegno stampato
di linee congiunte e curve
nella penombra
di una stanza che è la mente

sfiorare
sfiorarti
è stato questo
l'infinito stupore

toccarti

corpo amato